CHIUSI PER INVENTARIO!

Tag:   #analysis #SWP #workforceplanning

Classica targa di un esercizio in piena revisione: una breve sosta per far quadrare conti e bilanci, innovarsi, e ripartire; una fase di stallo volta a controllare e comprendere – pianificare – ottimizzare.

Nel mondo HR, questa metafora si concretizza con la Strategic Workforce Planning, un approccio che valorizza le persone, mirando al fit perfetto tra competenze e responsabilità, necessario per massimizzare engagement e performance.
Un famoso scienziato avrebbe risposto che

“nulla si crea, nulla si distrugge ma tutto si trasforma.”

Con la stessa precisione di un chimico, l’HR deve “trasformare” le sue persone proiettandole verso nuove sfide, con programmi di staffing che valorizzino le competenze attuali e abilitino lo sviluppo di quelle future.

Quali sono i passaggi chiave?

1.  Mappare le competenze;
2. Comprendere le sfide attuali e identificare per ciascuna il fit ideale tra sfida-responsabilità-competenza;
3. Effettuare What-ifAnalysis per anticipare scenari e sfide di domani e orientare le scelte di sviluppo e restaffing.

E se ci fosse anche un passo zero?

Nella vita lavorativa come in quella privata, il successo dei progetti è strettamente legato alla capacità gestire relazioni interpersonali: il modo in cui si chiede un feedback; facilità-frequenza-efficacia con cui ci si relaziona con gli altri; il supporto onthejob e la spinta a innovare che si riceve, sono tutte leve chiave.

Grazie a tecniche di Organizational Network Analysis (ONA) è possibile monitorare queste leve, misurando indicatori come il mix generazionale e culturale per abilitare iniziative di diversity ed inclusion.
Le ONA permettono di scovare leader, ambassador e mentor che possono ricoprire un ruolo chiave per vincere le sfide future, comprendendo le necessità delle persone e motivandole; diffondendo cultura e valori aziendali e sviluppando nuove competenze hard e soft con formazione sul campo.

Interpretando questi insight con una vista olistica e data-driven le aziende possono ridisegnare modelli operativi e organizzativi e ottenere quick-wins ..senza chiudere per inventario!